Fondazione FS NITTI

Celebrazione del Centenario del Governo Nitti (1919 – 1920), dichiarazione del sindaco di Melfi Livio Valvano

Siamo consapevoli che la nostra Città da secoli è faro della storia
d’Europa e miriamo ad essere all’altezza dei nostri avi che in più
momenti, lungo il cammino della storia, seppero fieramente
affermarsi.
Rivendichiamo perciò con orgoglio di aver dato i natali ad
una personalità di primo piano nella storia nazionale e
internazionale, com’è e fu Francesco Saverio Nitti e pertanto
saremo certamente in prima linea nell’ambito delle celebrazioni del
centenario del Governo che il nostro illustre concittadino guidò e
che fu promotore di un periodo di grande fermento e di rinascita,
dopo il sanguinoso conflitto mondiale.
Siamo convinti, però, che non si tratta di una celebrazione
oleografica e fine a sé stessa. L’humus culturale e politico di Nitti
rappresenta ancora oggi la stella polare di una concezione
europeistica lungimirante, di cui dobbiamo renderci testimoni e
realizzatori.
Melfi e l’Italia, pertanto, non dimenticheranno mai Francesco
Saverio Nitti: un “meridionale europeista” che lasciò un segno
indelebile nella storia d’Italia e non solo. La sua è un’eredità che ha
posto le basi alla democrazia partecipata senza compromessi. Un
uomo che si è caricato del peso dell’antifascismo, sopportando con
la famiglia un duro esilio e ha costruito, giorno per giorno, con il
suo pensiero e i suoi studi, l’Italia libera e democratica in cui siamo
nati e vissuti.
Dal pensiero e dalle parole di Nitti abbiamo imparato a ragionare e
riflettere sull’Europa, sullo sviluppo, sul lavoro, sulla dignità e sulla
pace.
Saremo presenti alla presentazione del programma delle
celebrazioni, giovedì 15 novembre a Roma, nella Sala Polifunzionale
della Presidenza del Consiglio dei Ministri, alla presenza del
Presidente del Comitato organizzatore delle celebrazioni, Giuliano
Amato; del Ministro per le Politiche Europee, Paolo Savona; della
Rettrice dell’Unibas, Aurelia Sole; del Rettore dell’Università
Federico II di Napoli, Gaetano Manfredi; della vicepresidente della
Giunta Regionale, Flavia Franconi; del Presidente della Fondazione
Nitti, Stefano Rolando e dell’Associazione Nitti, Patrizia Nitti.
La gratitudine della Città di Melfi va, pertanto, alla Fondazione Nitti
e a tutte le Istituzioni che hanno concesso sostegno e patrocinio
all’iniziativa che vuole ricordare il ruolo che il Governo Nitti ebbe in
un periodo cruciale della storia del nostro Paese.
Nella sua Città natale, ove vide la luce il 19 luglio 1868, Nitti viene
da sempre ricordato per l’eredità inestimabile di liberale, saggista,
giornalista, economista e convinto meridionalista. Memoria storica e
testimonianze del grande statista, orgoglio di Melfi e della
Basilicata, si fonderanno in un docu-film su questa grande figura
del ‘900, grazie al contributo di Rai Storia, che andrà in onda
venerdì 16 novembre alle ore 21,25.
A indelebile memoria per i posteri, il nostro Comune ha voluto
eternare uno dei personaggi più lungimiranti della storia d’Italia con
un monumento nella Villa Comunale, una via, un centro culturale e
una scuola, a testimonianza della grandezza dello statista
melfitano, la cui eredità morale, culturale e politica va così
trasmessa alle nuove generazioni affinché ne traggano esempio e
guida per il futuro.

Please follow and like us:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.